3

O.P.C.M. n.3815 del 10 ottobre 2009

Comune di Scaletta Zanclea. Lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza del centro abitato TORRENTE DIVIETO

 

I lavori sono stati diretti dal Genio Civile di Messina, sotto l'egida della Regione Sicilia

 

 

 
 

Il progetto ha ripristinato la funzionalità idraulica riducendo il rischio di esondazione del torrente Divieto nel tratto in prossimità del centro abitato, mediante lo svuotamento dell’alveo dalla notevole quantità di materiale alluvionale depositatosi lungo l’intera asta torrentizia e in particolare  nel tratto in prossimità della foce che attraversa l’abitato di Scaletta Zanclea, interessato dagli eventi alluvionali del 01/10/2009.

 
 
     

Le opere idrauliche realizzate si differenziano principalmente in due categorie:

- Lavori di svuotamento e risagomatura dell’alveo e di demolizione della copertura del tombino scatolare realizzato nel tratto a monte della S.S. n. 114  che è risultato insufficiente e di ostacolo al regolare deflusso delle acque alla luce anche della notevole quantità di materiale solido trasportato.

- Lavori di demolizione di due fabbricati esistenti lungo la S.S. n. 114 per consentire il successivo ampliamento della sezione idraulica di deflusso delle acque in concomitanza alla realizzazione di una seconda canna da parte dell’Ente Ferrovie nell’attraversamento della linea ferroviaria ME-CT posta poco più a valle.

             
   

 

Enorme quantità di materiale accumulatosi nel tratto di alveo a monte della tombinatura, a seguito dell'evento.

 

Intervento immediato a seguito dell’eccezionale evento piovoso verificatosi il 10.03.2010 e conseguente notevole trasporto di materiale alluvionale che ha completamente ostruito il tombino scatolare e il deflusso delle acque sulla S.S. n.114.

 

Immediato intervento di svuotamento

del tombino scatolare a monte

della S.S. n. 114.

 
 
             
   

Demolizione della copertura del tombino scatolare esistente

a monte della S.S. n. 114

Demolizione della copertura del tombino scatolare a monte della S.S.n. 114.  
             
     
 

Demolizione di massi naturali che alterano il regolare deflusso delle acque

 

Ritrovamento di ordigni bellici durante le operazioni di scavo lungo il torrente Divieto

 
             
     
Abbancamento del materiale alluvionale lungo l’arenile demania-le a ridosso del manufatto posto a protezione della linea ferrata   Ipotesi di allargamento del torrente Divieto, pari a 15m in sx idraulica, secondo lo studio dei consulenti nominati dal Commissario Delegato   L'allargamento a 15 mt prevede la demolizione di due fabbricati, ubicati a monte e a valle della SS 144